Marinali (PD): “Serve un sindaco che sappia vincere in periferia”

Claudio Marinali è Segretario del Partito Democratico nel Municipio Roma XV

Segretario, dopo 4 anni di giunta 5 Stelle, il suo Municipio come è cambiato?

La cosa più grave è che è rimasto esattamente a 4 anni fa. Nessun progetto, nessuna visione, nessun coinvolgimento della cittadinanza, organizzata o no. Esattamente nel solco della “decrescita felice” nel Municipio XV non è stato fatto nulla se non piccola manutenzione. Il cambiamento vero forse è la radicalizzazione nei suoi abitanti dell’idea che la “politica” non possa risolvere i suoi problemi. E questo lo pagheremo caro.

Al Governo del Paese, il M5S e il PD sono alleati: a livello locale che rapporto c’è tra il suo partito e quello della Sindaca?

A livello municipale c’è stata una opposizione determinata ma molto costruttiva e propositiva. I primi tre anni sono stati persi in attesa che i cinquestelle superassero i loro pregiudizi e comprendessero la complessità dell’agire quotidiano. Nell’ultimo anno si è riusciti a fare qualche passo in avanti. Al Comune invece siamo ancora a quattro anni fa.

È in grado di indicare tre problematiche su cui il centrosinistra dovrebbe investire per vincere le elezioni?

Riforma di Roma Capitale e dei suoi Municipi. È assolutamente prioritario per affrontare e risolvere tutti gli altri problemi. La nostra Città è grande come 5 capitali europee ma è governata con le stesse regole di un paesino di 1000 abitanti. Le altre due sono il grande tema delle DISEGUAGLIANZE (opportunità, lavoro, periferia e centro) e i RIFIUTI.

Com’è, sul suo territorio, il rapporto tra il Partito Democratico e la sua base? C’è partecipazione dei cittadini alle iniziative politiche?

Al netto di tutte le nostalgie, l’impegno politico è profondamente cambiato. Le sezioni sono poco frequentate. Alle iniziative partecipano un po’ più di persone a seconda dell’argomento e dell’ospite. Poi però quando ci sono le Primarie abbiamo file di centinaia di persone fisse davanti ai gazebo fino a a tarda sera. Il legame c’è ed è forte ma la partecipazione costante non esiste più.

Cosa pensa del metodo delle Primarie come modalità di scelta del candidato Sindaco? Sono un momento di aggregazione e costruzione di un’identità oppure una scusa per “pesarsi” e litigare tra candidati?

Le primarie sono imprescindibili. Sono il vero appuntamento di “coinvolgimento della base”, sempre talmente numerosa da non poter essere eterodiretta. Dovrebbe essere usato per ogni candidatura: sicuramente per il Sindaco e per il Presidente di Municipio ma aggiungerei anche per la formazione delle liste dei candidati a Camera e Senato.

Che Sindaco piacerebbe agli elettori del PD del Municipo XV? Una riconosciuta personalità politica o un candidato che viene dal territorio?

Il sindaco che piacerebbe non necessariamente sarebbe il candidato vincente. È prioritario non lasciare la città e i municipi alle destre. Abbiamo visto cosa è successo nella Capitale e alla Regione Lazio quando questo è avvenuto. Nonostante Virginia Raggi, la peggiore giunta della storia rimane quella di destra. Abbiamo bisogno di un Sindaco capace, che ami Roma, che sappia vincere in periferia. Questo è l’algoritmo difficile da scrivere.

Dei sindaci del passato, qual è il suo preferito?

Francesco Rutelli senza se e senza ma. Meglio di lui soltanto Ernesto Nathan e Luigi Petroselli che però appartengono a un’epoca lontana.

Suggerirebbe uno slogan al centrosinistra per vincere le elezioni?

“Una Roma per tutti, nessuno escluso.”  Ma non sono bravo con gli slogan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sampaolo: “Investire sulla conoscenza per uscire dalla crisi”

Mar Ago 11 , 2020
60 SHARES Share on Facebook Tweet Follow us Share Share Share Share Share